CHIARA FRUGONI, Paure medievali. Epidemie, prodigi, fine del tempo,

paru à Bologne, Il Mulino, 2020, 400 pages pour 40 euros, le livre peut être acquis ici !

Un passato sorprendentemente vicino, nel momento in cui con sgomento ci troviamo ad affrontare realtà che si ritenevano scongiurate da secoli, come le pandemie causate da virus, o assistiamo alle ricorrenti catastrofi ecologiche, o valutiamo i rischi – spesso portati dall’aggressiva mano dell’uomo – che minacciano il pianeta. Il Medioevo ci parla oggi con voce forte, attraverso le tante paure che assillavano donne, uomini, bambini: paura della fine, della miseria, della fame, delle malattie, della lebbra e della peste in particolare, fino alla paura del diverso, dello straniero, degli ebrei, dei musulmani, dei mongoli. Un libro di lugubri sciagure che si susseguono, dunque? No. Un libro che pone domande, addita problemi, cerca risposte. Non siamo più in quel Medioevo, ma gli esseri umani sono ancora gli stessi, nascono, amano, crescono, sperano, si spaventano. Oltre ad alcune curiosità – una data di nascita sbagliata per Cristo, le reazioni suscitate dall’arrivo dell’anno Mille – scopriremo quale evento all’improvviso fece degli ebrei i nemici della porta accanto; che legame esiste fra la nascita del purgatorio e la circolazione di temi macabri nelle chiese, come si contrastò il dilagare delle carestie. Alcuni testimoni privilegiati renderanno palpabili anche a noi i drammi delle loro epoche, mentre uno smagliante corredo di immagini accompagnerà il racconto rendendolo vivo ed emozionante.

Per ricevere una copia autografata del libro, inserire il codice EXLIBRIS nel campo “NOTE” dell’ordine online

:: Il booktrailer ::

Chiara Frugoni ha insegnato Storia medievale nelle Università di Pisa, Roma e Parigi. Tra i suoi numerosi libri segnaliamo, per il Mulino, «Vivere nel Medioevo. Donne, uomini e soprattutto bambini» (2017), «Uomini e animali nel Medioevo. Storie fantastiche e feroci» (2018) e «Paradiso vista Inferno. Buon Governo e Tirannide nel Medioevo di Ambrogio Lorenzetti» (2019). I suoi saggi sono tradotti nelle principali lingue europee, oltre che in giapponese e in coreano.

Table des matières:

Prologo
I. La paura della fine del mondo
Lontano da quando.
Un mondo che fa paura.
Il millennio dimenticato e recuperato.
Mille e non più mille.
Altre attese millenaristiche.
La paura della morte improvvisa.
Un rimedio assai più efficace.
Satana e i castighi infernali: il Giudizio universale di Conques.
La nascita del purgatorio e le sue conseguenze.
Dalla paura del Giudizio alla paura della morte.
L’affacciarsi del macabro nei testi e nelle immagini.
Una conseguenza inaspettata del trionfo del purgatorio: il trionfo del macabro.
II. La paura della fame e della miseria
Mangerai il pane con il sudore della tua fronte.
Vivere da contadini, una condizione assai dura.
La grande carestia raccontata da Rodolfo il Glabro.
Studenti in salamoia: un miracolo di san Nicola.
Placare la fame. Miti di compensazione.
Quando il cibo è sempre un miraggio.
Se manca il pane: miracoli e istituti caritatevoli.
La sorte dei poveri, soprattutto dei bambini.
Firenze 1329, fame, violenza e disperazione.
III. La paura del diverso
L’intolleranza di fronte agli stranieri.
Gli ebrei, la scoperta dei nemici della porta accanto.
Il peso delle crociate sulla condizione di vita degli ebrei.
Parola di papa: l’abbigliamento degli ebrei.
Leggende antiebraiche.
Il mutare di una figura allegorica, la Synagoga.
Tutto cambia: la frattura delle crociate.
I musulmani, «gli spregiatissimi agareni», parola di papa.
Maometto, i suoi seguaci e il demonio.
Neri come il demonio.
Neri buoni.
Francesco e i musulmani, un esempio dissonante.
I nemici invasori, il pericolo mongolo.
IV. La paura delle malattie, in particolare la lebbra
Medici e malattie.
Le cure delle donne.
I lebbrosi, una società di esclusi.
Il fuoco di sant’Antonio.
I lebbrosi, pietà e misericordia.
Lazzaro, Cristo, Francesco e la lebbra.
V. La paura delle epidemie, la peste
Il viaggio della peste nel racconto di un notaio piacentino.
La peste nel racconto di Giovanni Villani.
San Sebastiano, un santo per la peste.
La peste, tra panico, disperazione e cinismo.
Note
Indice dei nomi

Paolo Broggio, Governare per l’Odio. Pace e giustizia criminale nell’Italia moderna (secoli XVI-XVII)

Rome, Viella, 2021, à commander ici

Le paci private sono tra i fenomeni più salienti ma meno appariscenti legati al funzionamento della giustizia d’Antico Regime.

Solitamente considerate incompatibili con la modernità giudiziaria, le paci sono l’espressione di una radicata cultura della negoziazione e della transazione che ha sempre guardato con sfiducia al contenzioso giudiziario quale strumento efficace di risoluzione dei conflitti. Da un punto di vista ideale, tale cultura ha convissuto senza particolari difficoltà con il suo esatto speculare, incarnato dalla figura del sovrano come giudice implacabile che, per garantire l’ordine e la concordia sociale, agisce oscillando tra il ricorso a castighi esemplari e l’elargizione della grazia.

La realtà delle paci non è tuttavia così benevola e rassicurante come la narrazione prevalente di taglio religioso ha suggerito. Gli strumenti giuridici e le pratiche sociali collegate alle paci, infatti, possiedono inquietanti contiguità con le forme della coercizione istituzionale e con le stesse pratiche della vendetta.

  • Introduzione
  • 1. Vendetta, giustizia, pace: definizioni e contestualizzazioni
    • 1. Sguardi settecenteschi sulla modernità giudiziaria
    • 2. Forme del conflitto e della sua ricomposizione nell’Italia moderna
    • 3. I limiti della disciplina tra produzione legislativa, pensiero politico-giuridico e pratiche di negoziazione
    • 4. La pace e la vendetta come strumenti e come pratiche
    • 5. La pace e la vendetta come concetti e artifici retorici
    • 6. Amicizia e inimicizia
  • 2. Governare la violenza e il conflitto nello Stato della Chiesa
    • 1. Non solo repressione: un sistema giudiziario “condizionale” di prevenzione della violenza
    • 2. Prevenzione del crimine e potestas oeconomica: imporre fideiussioni «ad mala futura vitanda»
    • 3. La diade sicurtà di non offendere – pace come fulcro del sistema
    • 4. Contumacia, esilio, bando
    • 5. Pace, parentela, comunità
    • 6. L’efficacia del sistema e le sue insidie
  • 3. Giustizia negoziale e rapporti centro-periferia
    • 1. Violenza vendicatoria e lesa maestà: lo scontro per il controllo delle pratiche di pacificazione
    • 2. Né Marca, né Romagna: l’“eccezione” di Bologna
    • 3. Un tribunale civile-ecclesiastico per la pace: la Congregazione della Concordia di Bologna
    • 4. Finanze di pace: lo spettro delle multe e delle confische
    • 5. Legati e governatori alle prese con i giusdicenti locali
  • 4. Una cultura europea del contenimento sociale attraverso la conciliazione
    • 1. Biconfessionalità, pace sociale e giustizia arbitrale: la monarchia di Francia
    • 2. Tutela dell’onore e “vendetta cristiana”: una cultura ispanica della composizione
    • 3. King’s peace e strumenti giuridici di prevenzione del crimine: il caso inglese
  • 5. La pace dei cristiani
    • 1. Cultura cristiana e giustizia secolare tra repressione e riconciliazione
    • 2. La litigiosità giudiziaria come male da curare
    • 3. Confessione e teologia morale
    • 4. Predicare la pace per via di accordo
  • Conclusioni
  • Indice dei nomi

Paolo Broggio

Paolo Broggio insegna Storia moderna presso l’Università degli Studi Roma Tre. Tra i suoi libri: Evangelizzare il mondo. Le missioni della Compagnia di Gesù tra Europa e America (Roma 2004) e La teologia e la politica. Controversie dottrinali, Curia romana e Monarchia spagnola tra Cinque e Seicento (Firenze 2009). Per i nostri tipi ha curato, con M.P. Paoli, Stringere la pace. Teorie e pratiche della conciliazione nell’Europa moderna (secoli XV-XVIII) (2012).